29 Settembre 2018

Perchè nasce questo blog

di Sandro e Daniele

Questo blog nasce per l’esigenza di voler scrivere, ma soprattutto condividere eventi, emozioni, storie e amarezze di un veterinario. La sua età gli permette di possedere un background di aneddoti ed esperienze da raccontare senza aver preso ancora coscienza di ciò che la vita avrà ancora in serbo per lui.

Il sito web e’ stato pensato per:

giovani uomini e donne che un giorno vorranno dedicarsi alla professione di “Salvatori di vite animali”, sessione a loro dedicata in:“Parola di uno studente di veterinaria”.

Per quei veterinari che stanno iniziando l’attività.

Per quei veterinari ad un bivio di intenti: continuare con una medicina tradizionale da piccolo ambulatorio o creare una struttura più grande e complessa in modo da agevolare i propri clienti?

Per tutte quelle persone che soprattutto enfatizzano il lavoro del veterinario, che lo esaltano ma anche lo sminuiscono.

E’ rivolto a coloro che possono essere incuriositi dalla vita post professionale di un veterinario con una sessione apposita “Quando la vita non è solo salvare gli animali”.

Questo blog vuole avere la presunzione di rivolgersi a tutti coloro che possono essere attratti da pezzi di vita vissuta. Vita che spesso si interseca e si accompagna a persone conosciute in ambito medico ambulatoriale. Situazioni che fanno nascere amicizie temporanee, amicizie che il tempo non scalfisce e rende granitiche, situazioni amorose fugaci, spesso fuorvianti, amori eterni, pensieri che conducono al lecito e talvolta alla immoralità.

E’ stato pensato per superare l’idea stereotipata del veterinario che viaggia in sidecar e che ama gli animali. Fare il veterinario non vuol dire solo essere attratti da un mondo animato non parlante, fatto di nuvole di pelo e di leccate amorose ma, significa essere consci che il nostro lavoro è quello di medico.
Un veterinario come tale ha l’obbligo morale e scientifico di applicare delle terapie che siano le più consone possibili per l’obiettivo benessere del suo paziente. L’immagine inquinata del veterinario baciato dal sole, girovago per la campagna, degustatore di soluzioni liquorose, altera totalmente la realtà collocandoci così tra i più probabili fruitori di associazioni per alcolisti anonimi.

E’ stato pensato per riportare le più comuni frasi pronunciate ad alta voce dalla gente nei nostri ambulatori. Frasi fatte, detti popolari , discorsi sempre sentiti e mai ascoltati frasi che spesso nascondono delle verità riemergendo con tutto il loro impeto per farsi riascoltare.

Il blog si propone con la consapevolezza che chi scrive ha dei limiti, sia come autore, sia come scrittore ed è consapevole delle difficoltà che potranno emergere nel raggiungere tali obiettivi. La parola d’ordine quindi sarà: scrivere in libertà scevri dalla paura di raccontarsi e dare spazio all’obiettivo che si è prefisso, quello di libertà comunicativa e di opportunità espressiva, e tralasciare, almeno per questa volta, la blasfemia e la volgarità che ci circondano.

Articoli più recenti