11 Settembre 2019

Equipaggiamento universitario

di Daniele

Sei stato ammesso all’università ma non hai la minima idea di cosa ti possa servire? Oggi ti spiegherò cosa comprare per non farti trovare impreparato, partendo da quelle che per me sono le cose più importanti da comprare per iniziare al meglio senza farsi trovare impreparati.

Notebook

Questo è forse lo strumento più importante e forse il più difficile da scegliere per uno studente. Le fasce di prezzo sono molteplici, le marche pure, e così anche le combinazioni dei vari componenti. Inoltre non tutti ne capiscono qualcosa e si affidano al venditore, magari poi dopo un po’ rimpiangendo la scelta. Ora ti elencherò alcune caratteristiche che deve avere il notebook ideale per me.
Innanzitutto la marca: molti sono orientati verso Apple e i suoi Macbook, dispositivi non proprio alla portata di tutti visto il prezzo che tranquillamente sfiora i 1000 euro e sono veramente in pochi che sanno cosa hanno per le mani, la maggior parte lo prende solo per la marca, anche se c’è da ammettere che hanno una buona autonomia e sono molto compatti. Per altre marche c’è l’imbarazzo della scelta poichè molti dei componenti sono gli stessi.
Come dimensioni ti consiglio di non superare i 15 pollici, ma di rimanere intorno ai 10-13 pollici, avrai così un dispositivo compatto e poco ingombrante. tieni presente però che a parità di potenza più è piccolo e più costa.

Processore: anche qui c’è una vasta gamma tra cui scegliere, tenendo conto che ogni anno esce la nuova generazione di processori, le cosiddette CPU. Se opti per un Macbook sono processori veloci adatti a quasi ogni carico di lavoro che deve supportare uno studente universitario (cosa non proprio vera se devi programmare o ti piace giocare); se invece opti per altri pc ti trovi di fronte ad un bivio: Intel o AMD. Qui si apre un enorme dibattito sul quale potrai trovare guide e forum online che ne parlano ogni giorno. Solitamente le fasce di processori si dividono in bassa, media e alta. Nel caso di Intel abbiamo rispettivamente i3 (e altri che troverai sicuramente nei negozi di elettronica), i5, i7 e i9. Ti sconsiglio di prendere un fascia bassa poichè già dopo poco tempo si notano dei rallenatmenti, l’i9 lo trovi solo su pc da gaming di fascia molto alta e quindi molto poco accessibile. La scelta ricade quindi su i5 e i7 che per il lavoro che deve fare uno studente la differenza è praticamente nulla, sotto carichi pesanti invece regge meglio l’i7. Attenzione alla generazione poichè un i5 di tre anni fa potrebbe equivalere ad un i3 di adesso, tieni presente che quest’anno hanno annunciato la decima generazione di IntelCore. Per AMD vale lo stesso principio delle tre fasce in Ryzen 3, 5, 7, Threadripper (per il gamimg quest’ultimo) e si equivalgono quasi agli InteCore i3, i5, e i7 rispettivamente.

RAM: chi più ne ha più ne metta! A parte gli scherzi oramai per far girare Windows 10, qualche pagina di Chrome (credimi che è come pac-man che se la mangia tutta) e dei programmi di lavoro come Word o Excel, i 4 GB classici non bastano, ragion per cui adesso quasi tutti i pc montano 8GB di base. Se con il tempo ti appassioni e credi di volerne di più per giocare o perchè hai carichi pesanti di lavoro come video editing puoi sempre acquistare della RAM aggiuntiva e montargliela, ovviamente scaduta la garanzia altrimenti non te lo sistemano; se invece possiedi un Macbook non preoccuparti perchè già di base ne monta più che a sufficienza.

Memoria: anche qui ci sono numerose possibilità. Ci sono due tipi di memoria: Hard Disk, è praticamente un disco che gira ed una tecnologia ormai obsoleta e quindi a basso prezzo adesso ma che comunque offre grandi possibilità di archiviazione; SSD, per fare un paragone è come una chiavetta USB, niente che gira, quindi molto più veloce ed efficiente, solo che presenta prezzi molto più alti. Se acquisti un Macbook monta quasi sicuramente un SSD solo che per averlo capiente il prezzo lievita molto velocemente e per tenere il prezzo contenuto dovrai optare per 128 GB o 256 GB. Altre marche invece offrono degli SSD più capienti ma comunque contenendo il prezzo; oppure abbinando un Hard Disk molto capiente con un SSD piccolo per il sistema operativo e le cose importanti. Una novità di quest’ultimo anno ma non molto usata è Intel Optane, un sistema che permette di avere un Hard Disk con prestazioni simili ad un SSD. Esistono due formati di SSD, uno è a forma di scatoletta come gli Hard Disk detto 2,5″ e l’altro a forma di scheda detto M.2. Tieni presente questo perchè quando scadrà la garanzia puoi cambiare il tuo Hard Disk con un SSD o il tuo SSD con uno più capiente che puoi trovare benissimo su Amazon e che sono abbastanza facili da installare.

Durata della batteria: qui mi sento di consigliarti un pc che abbia almeno 6-8 ore di autonomia che è più o meno la durata di una giornata di lezioni.


Scheda video: detta anche GPU, non è una componente fondamentale e solitamente se ne trova una piccola integrata nella CPU, invece ti potrebbe interessare se ti piace giocare. Anche qui ci sono due principali produttori: Nvidia e AMD Radeon, tanti prodotti per tante fasce di prezzo, ovviamente più potenti sono e più il prezzo sale, se sei un gamer che non pretende molto una GPU da 2 o 4 GB potrebbe andare bene, ma è difficile trovarle in pc normali.

Mouse: tutti i notebook sono dotati di un piccolo touchpad che funge da mouse ma per molte operazioni risulta scomodo, ti consiglio un mouse wireless (con la sua chiavettina) che puoi trovare tranquillamente sulla decina di euro; o un mouse bluetooth se il tuo pc lo permette.

Porte USB: tutti i pc ne montano almeno due, ma ti consiglio di averne tre, nel caso una sia occupata dal mouse e devi passare file a tuoi compagni di corso.

In conclusione ti consiglio un pc che abbia almeno un i5 di ottava generazione, 8 GB di RAM, un SSD da 500 GB o una combinazione Hard Disk-SSD simile e 6 ore di autonomia di batteria.

Tieni presente che alcuni notebook sono reversibili, cioè hanno lo schermo touch e che può portarsi a 360° dietro la tastiera. Possono essere pratici perchè puoi prendere appunti come un tablet ed avere le stesse prestazioni di un pc.

Una via di mezzo tra il tablet e il pc sono i Surface della Microsoft, dei veri mini pc portatili ma con tutte le caratteristiche di un pc, purtoppo hanno un certo prezzo ma sono prodotti molto validi.

Articoli più recenti